Daga – Test

Attenzione: gli oggetti di cui si parla in questo articolo sono creati a puro scopo educativo, e il loro uso improprio può danneggiare oggetti o peggio far male a persone, usi per cui tali oggetti NON vanno utilizzati. Nego ogni responsabilità nel caso qualcuno provi a replicare gli oggetti in questione e ne faccia un uso improprio.

Inoltre, prima di iniziare, mi scuso per la scarsa documentazione fotografica, ma preso dalla foga del momento, ero curioso di sapere cosa sarebbe e non mi sono soffermato sufficientemente a fare foto.

Introduzione

Una delle cose che mi ha sempre affascinato della stampa 3D è la riproduzione di oggetti molto più grossi rispetto alle miniature che faccio di solito. Per questioni tecniche con la stampante non ne faccio molti, ma ogni tanto mi ci diletto. Dato che faccio parte di un’associazione di scherma storica, mi è partito il pallino: perché non provare a fare una riproduzione di una spada in scala 1:1?
Ovviamente, la spada che andrei a creare sarebbe un oggetto ornamentale da esposizione, al più che si possa tenere in mano mentre si sta in posa (ad esempio se usato per un cosplay).
Una spada in media è lunga sui 100cm, di cui 80cm sono la lama, che ha un’altezza di circa 2-3cm e uno spessore di circa 1cm. Partire subito con questo progetto sarebbe stato un suicidio. Quindi ho deciso di provare con una daga, che ha la stessa struttura, ma è molto più piccola, perfetta per provare a fare dei test.
Il primo problema che mi sono trovato ad affrontare è stato quello di avere un oggetto solido, con cui se si dovesse imitare un fendente non voli via un pezzo, ma che resti integro nella mano. Inoltre, le giunzioni tra i vari pezzi, in un’ipotetica riproduzione non sono molto belli a vedersi e quindi vanno coperti. Per ovviare a questi due problemi insieme, ho pensato alla cartapesta.
Lo scopo di questo articolo non è quello di portare un oggetto finito vero e proprio, ma i risultati di alcune mie prove, su come potrebbe essere possibile costruire un oggetto del genere. In particolare discuterò di un possibile modo di progettare il modello, come incollare i vari pezzi tra di loro, la copertura con la cartapesta e l’eventuale colorazione.
Mi preme dirlo: probabilmente a molti la cartapesta sembrerà una cavolata, ma, da quanto ho letto su internet, a saper padroneggiare questa tecnica si riescono a creare tanti begli oggetti. Fattore non meno importante è il costo: il materiale necessario non è altro che carta da buttare via e della colla. (altro…)

Continue Reading

Fabbro – miniatura npc

Introduzione

Con questa miniatura inauguro gli npc. Ho iniziato con il fabbro perché è il creatore di armi e armature, quindi uno dei venditori più importanti per chi inizia un’avventura.
Per questo lavoro ho cercato varie immagini online, ma alla fine ho scelto di usare questa immagine come riferimento principale,quindi come vestiario gli ho fatto una camicia, pantaloni, stivali e grembiule. Ho scoperto che in genere i fabbri medievali vengono rappresentati o in questo modo o a torso nudo.
Io in più gli ho aggiunto un po’ di pancia che il fabbro nell’immagine non mi pare avere. (altro…)

Continue Reading

Mesiversario! (primo e ultimo)

È già passato ben 1 (UNO!) mese da quando ho comprato il dominio per il sito e devo dire che il tempo è volato senza che me ne rendessi conto. Ci sono ancora pochi articoli e il sito è ancora spoglio, probabilmente ha ancora bisogno di molto lavoro, ma la…

Continue Reading

Darreth – miniatura gdr

Introduzione

Eccoci alla penultima miniatura dei personaggi dei miei compagni di d&d. Parliamo di Darreth l’alchimista.
Per l’aspetto ho ricevuto una descrizione abbastanza precisa: stivali neri, pantaloni marroni, un giaco di maglia che OVVIAMENTE non ha le maniche (anche se internet la pensa diversamente, ma in fin dei conti posso farlo come voglio io), una fascia alla vita e una alla testa; come arma una morning star. Il personaggio lo voleva in forma di drago.
Mi ha anche dato una moltitudine di scelte riguardo la posa, ma ho preso la prima che mi ha detto, ovvero con la mano destra che punta in avanti. (altro…)

Continue Reading

Van – miniatura gdr

Introduzione

Dopo Inari continua il mio lavoro con le miniature dei personaggi dei miei amici nella campagna di d&d che stiamo giocando. Questa volta è il turno di Van, il nostro inquisitore mezz’orco.
Per fare il vestiario ho fatto riferimento al personaggio dell’inquisitore mostrato nel manuale del giocatore: un’armatura leggera coperta da un cappotto che arriva fino ai piedi e il cappello (Qui l’immagine di riferimento).
Per la posa il mio amico ne ha scelta una ispirata ad Artas (il personaggio di Warcraft), qui il link all’immagine.
(altro…)

Continue Reading

Caladrel e arcalbero – High Mountain Zone

Introduzione

La prima cosa da dire assolutamente è che questa miniatura è maledetta, ma il perché ve lo spiegherò nell’ultima sezione dell’articolo.
Iniziamo con le cose veramente importanti, ovvero l’idea di questo personaggio. Tutto è partito dall’arco: stavo riflettendo sull’animazione di dark souls 2 quando usano gli archi grandi, che vengono appoggiati a terra. Dato che gli archi generalmente sono in legno, mi è venuta l’idea di aggiungere delle radici (sceniche) come appoggio, ma poi mi son detto “perché non dargli completamente la forma di un albero?”. Quindi dovendo giustificare questo, è saltato fuori un albero cresciuto con quella forma e che possiede qualche capacità magica per poter essere usato in questo modo, senza appassire.
Ovviamente per usare un’arma del genere serve un personaggio adeguato, che in questo caso è Caladrel: una persona (o un elfo) di grossa corporatura, con molta forza. Dato che usa come arma un albero ho pensato che sarebbe meglio se fosse un ranger o un druido (secondo gli standard del fantasy). Quiindi non poteva mancare anche un animale che lo segue. (altro…)

Continue Reading

Inari – miniatura gdr

Introduzione

Questa miniatura l’ho fatta su richiesta di un amico, per una campagna di d&d che stiamo giocando. Me l’ha chiesta non ricordo più quanti mesi fa e intanto siamo arrivati quasi alla fine, ma questi sono dettagli.
Il personaggio è una kitsune mutaforma. Come riferimenti ho usato dei vestiti da pirata (una camicia, pantaloni e stivali da pirata), mentre per la posa una posizione di attacco con la spada mentre tiene il cappello per aria con l’altra mano. Oltre a questo ci voleva anche la coda da volpe.
In tutto questo mi sono preso la libertà artistica di modificare un po’ la posa e l’aspetto, come l’aggiunta delle orecchie e la camicia così tanto slacciata.

Per questo lavoro non mostro gli eventuali riferimento in quanto non ricordo da dove li ho presi e quindi non potrei darne i crediti. (altro…)

Continue Reading

Post di benvenuto

Dopo tanti sforzi e peripezie finalmente posso inaugurare questo sito con il primo post (che emozione)! Per poterlo fare ho dovuto studiare molte nuove cose, ma lo sforzo ne è valso la pena, nonostante sia solo l'inizio di questa esperienza (manca ancora tanto lavoro da fare, soprattutto l'interfaccia grafica). Ma…

Continue Reading
Close Menu