Catalogo natalizio – Pupazzi di neve

Dopo i fiocchi di neve eccoci al secondo articolo sulle decorazioni natalizie che potete trovare nel nostro catalogo di natale. Per maggiori informazioni potete mandare una mail a [email protected]

Introduzione

Come avrete ben notato in questo ultimo periodo, sto studiando come fare sia modellini 3D che 2D, a piastrine. Per il pupazzo di neve avevo intenzione di farli entrambi, ma data la mancanza di idee sulla versione 2D mi sono limitato a quella 3D.
Come sempre prima di mettermi all’opera ho fatto degli schizzi per avere delle linee guida da seguire. Ho fatto 2 versioni: una composta da 3 palle di neve e una invece da 2. Per semplicità e su consiglio, ho iniziato dalla seconda e, dato l’ottimo risultato, mi sono limitato a questa.

Negli schizzi avevo incluso anche le braccia, ma dato che erano pensati per essere portachiavi ho deciso di omettere parti sporgenti fragili.
Nel caso in cui comunque lo si voglia usare come decorazione, ovvero condizioni in cui i rischi di rottura sono bassi, le braccia le posso sempre aggiungere.

Il modello 3D

Con questo modello posso dire di aver ottenuto un ottimo risultato, con un lavoro per niente difficile, dato che ho utilizzato poligoni molto basilari.

Il pupazzo è composto da due sfere, una per il corpo, più grande e a cui ho eliminato parte dei vertici inferiori per fare una base piatta, e una più piccola per la testa.

Per gli occhi e i bottoni ho utilizzato delle sfere, con un numero ridotto di vertici, dato che una volta stampata non si sarebbe notata la bassa risoluzione di questi. Il naso è un cilindro a cui ho rimpicciolito una estremità. Ho preferito fare così piuttosto che usare un cono per mantenere un certo spessore sulla punta ed evitare parti troppo appuntite.

Per il cappello sono partito da un cilindro, ho fatto un’estrusione sulla faccia superiore (I) e ho poi estruso verso l’alto questa nuova faccia più piccola.

Questa l’ho poi inclinata leggermente e gli ho aggiunto l’anello, per poter attaccare sia l’anello metallico, nel caso del portachiavi, sia i nastrini per appenderlo come decorazione.

Inoltre, come potete vedere dall’immagine, c’è una grande sovrapposizione tra la testa e il cappello.

Arriviamo ora all’ultima parte, quella che mi ha creato più problemi di tutte: la sciarpa. Parto subito col dire che non c’è un unico modo per farla e che io ho scelto quello che in quel momento credevo fosse il più semplice e rapido.

Come modello ho usato un cubo, leggermente modificato a forma rettangolare, e una curva. Al cubo ho applicato due modifier: array, per crearne multiple copie in un numero sufficiente per seguire tutta la curva, e curve (nella categoria deform) per legare i cubi alla curva, in modo che seguissero la forma di quest’ultima. La curva l’ho quindi modellata intorno al collo del pupazzo di neve.

Per questo lavoro bisogna ricordarsi di utilizzare il clipping, nel modifier array, per unire tra di loro tutti i cubi.
Una volta applicati i modifier ho poi usato bevel, per ammorbidire il modello. Ho anche aggiunto due sfere come pon pon alla fine della sciarpa perché non mi piaceva lasciarla troppo squadrata.

Purtroppo devo dire che questo mio modo di fare la sciarpa mi ha creato alcuni problemi nella fase di slicing, che probabilmente avrei potuto evitare se avessi creato il modello diversamente.

La stampa 3D

Per il pupazzo di neve ho impostato i layer a 0.2mm, senza uso di brim ma con i supporti, necessari per sorreggere i pon pon e il naso. Per il cappello invece non sono serviti, grazie all’inclinazione che gli ho dato. Ebbene si, non è solo una cosa estetica, ma una costa studiata apposta anche per questo.

Purtroppo però ho avuto problemi con la sciarpa, che a volte, non ho ancora capito perché, Cura non riconosceva in parte, facendo uno slicing a buchi. Ho fatto un paio di tentativi, e alla fine ho tenuto il modello che non mi dava problemi, quello mostrato prima, anche se ha un aspetto un po’ quadrettato.

A parte questo dettaglio comunque sono riuscito ad ottenere un risultato anche oltre le mie aspettative, dato che dai disegni non mi sembrava chissà che cosa.

Riguardo ai filamenti invece, per una prima versione di test ho utilizzato il grigio, e dopo averne pitturata una ho deciso di utilizzare anche il rosso glitter.

La pittura

Per la versione con il filamento grigio ho prima dato una base acrilica con il grigio, dato che ancora non avevo il bianco, e stavo svolgendo dei test. L’ho pitturato con:

  • Ceramite white
  • Khorne red
  • Abaddon black
  • Troll slayer orange

tutti della Citadel.

Per quelli stampati con il filamento rosso glitter ho usato una base di acrilico bianco per il corpo e la faccia, il nero acrilico per il cappello, mentre non ho pitturato la sciarpa e l’anello in cima. Ho poi dovuto dare una seconda mano con il Ceramite white dato che il bianco non copriva bene il colore del filamento. Ho poi pitturato il naso con il Troll slayer orange e i bottoni e gli occhi con il nero.

Con queste decorazioni natalizie ho iniziato a usare i colori acrilici per due motivi: uno è che costano poco rispetto ai colori da modellismo, e poi perché mi sono accorto che permettono una buona aderenza degli eventuali strati successivi di colore.

Conclusioni

Avrei voluto fare come per Halloween e creare portachiavi monocolore, ma trovo che i modelli che presenterò per Natale non avrebbero lo stesso risultato. Quindi, anche se uso il filamento rosso glitter, che trovo sia davvero figo, almeno in parte devo pitturarli per avere un risultato perfetto.

Ho appena detto che i colori acrilici sono ottimi, ma hanno un difetto: possono dare una sensazione di appiccicoso al tatto, non molto piacevole, che però può non essere un problema. Infatti è vero che li ho pensati come portachiavi, ma spero vengano usati più come decorazioni, quindi maneggiati poco.

Inoltre con questa serie sto riprendendo a utilizzare il colore del filamento come parte integrante del modello, cosa che avevo già fatto con la scatola portaoggetti, cosa che in genere non posso fare con le miniature. Ho iniziato perché trovo che il filamento rosso glitter dia un risultato migliore rispetto al colore pitturato.

Questo è tutto, vi aspetto la prossima settimana con le prossime decorazioni!

Fede

Fondatore del sito e appassionato di stampa 3D. Mi piace creare principalmente miniature e ambientazioni per giochi gdr, oltre che piccoli gadget. Dal 2015 possessore di una prusa ephestus, tra un problema e l'altro stampo tutti i miei lavori.

Lascia un commento

Close Menu
shares