Fabbro – miniatura npc

Introduzione

Con questa miniatura inauguro gli npc. Ho iniziato con il fabbro perché è il creatore di armi e armature, quindi uno dei venditori più importanti per chi inizia un’avventura.
Per questo lavoro ho cercato varie immagini online, ma alla fine ho scelto di usare questa immagine come riferimento principale,quindi come vestiario gli ho fatto una camicia, pantaloni, stivali e grembiule. Ho scoperto che in genere i fabbri medievali vengono rappresentati o in questo modo o a torso nudo.
Io in più gli ho aggiunto un po’ di pancia che il fabbro nell’immagine non mi pare avere.

Il modello 3D

Il fabbro
Come sempre ho usato il modello maschile come base, ma gli ho aggiunto un blocco di riferimento per la pancia.

Figura 1 – Il modello base con il blocco aggiunto per la pancia

Questo mi è servito solamente come riferimento per quando ho creato la maglia e il grembiule. Probabilmente chi è più capace nella modellazione potrebbe non averne bisogno, ma per noi non così bravi questo è un riferimento visivo molto utile durante il lavoro.
Non ho apportato altre modifiche al corpo in quanto non le ritenevo necessarie.
Per i vestiti ho seguito il procedimento come per le altre miniature: ho sfruttato i modifier subdivision surface e mirror, creando gli stivali in due pezzi, mentre per l’effetto delle maniche arrotolate alla camicia ho fatto un’estrusione lungo le normali (premendo S dopo il comando di estrusione). Il blocco della pancia mi ha aiutato molto durante la modellazione della camicia, permettendomi di dare l’effetto voluto.

Figura 2 – I vestiti.
Da sinistra: la maglia, i pantaloni e gli stivali

Per fare il grembiule sono partito da un cubo allungato lungo l’asse z, dopodiché gli ho fato la forma seguendo la pancia, ottenendo quindi una spaziatura tra il grembiule e le gambe. Dato che questo potrebbe creare problemi nella stampa, ho selezionato le facce del grembiule rivolte verso il fabbro e le ho spostate fino a creare un minimo di sovrapposizione con le gambe. In questo modo ne ho aumentato lo spessore e tolto la spaziatura.

Figura 3 – Il grembiule visto da dietro. Ho lasciato i pantaloni (con un colore differente per distinguerli meglio)
per mostrare la sovrapposizione tra i due modelli. Si può inoltre notare la cintura del grembiule composta da un blocco solido

La parte intorno al collo del grembiule l’ho creata estrudendo man mano un cubo, e modellata in modo da stare leggermente sovrapposta al modello della camicia. La cintura invece è un blocco solido.
Una volta fatte queste parti ho aggiunto il dettaglio dei bottoni, a parte.

Finito con il vestiario gli ho aggiunto barba e capelli

Figura 4 – La barba e i capelli. Sono mostrati i vertici. La barba e i capelli sono figure separate,
ognuna partendo da un cubo a cui ho applicato i modifier subdivision surface e mirror

Il risultato finale del fabbro è questo

Figura 5 – Il fabbro prima di essere posato

Figura 6

Gli attrezzi
Il progetto iniziale prevedeva solamente il martello e la pinza, mentre tiene un blocco di metallo incandescente. Date le dimensioni ridotte della pinza ho preferito creare un’incudine come supporto su cui appoggiare questi attrezzi.
Le pinze sono composte da due barre con la parte finale arrotondata, speculari e sovrapposte, con un cilindro come vite.

Figura 7 – Il martello e le pinze.
In risalto una metà delle pinze

Anche l’incudine è composta da poligoni molto semplici: un cubo modellato per il corpo centrale e un cilindro per la punta. Quest’ultima è un cilindro con vari loop (ctrl+r) via via rimpiccioliti, allineando poi orizzontalmente i vertici in alto.

Figura 8 – L’incudine.
Al corpo centrale ho applicato leggermente il modifier bevel. Non ha ripercussioni nella fase di stampa, ma rende il modello 3D più piacevole alla vista

La posa
Per la posa mi sono limitato a una posizione molto statica per comodità, dato che sia il martello che le pinze dovevano stare a contatto con l’incudine. Ho solamente sistemato le braccia, lasciando invariato il resto del corpo.

Figura 9 – Il fabbro in posa

Figura 10

La stampa 3D

Dato che il fabbro è di “stazza normale”, il modello è stato scalato a 10x. I layer sono stati impostati a 0.1mm e ha richiesto circa 40 minuti di stampa. È alta circa 32mm ed è incollata su una basetta da 25mm.

Figura 11 – Il fabbro appena tolto dal piano di stampa

I supporti generati con Cura sono stati sufficienti, ma ho riscontrato un problema successivamente: alla fine della stampa gli unici attacchi di collegamento tra il fabbro e l’incudine erano le braccia, molto sottili. Durante la rimozione del materiale di supporto il modello sembrava troppo fragile e ho quindi preferito separare i pezzi, facendo un taglio all’altezza dei polsi, per avere un riferimento durante l’incollaggio.
Il vantaggio di questo taglio è stato sia il semplificare che rapidizzare il lavoro di pulizia dal materiale in eccesso, soprattutto del materiale presente tra l’incudine e il grembiule.

Figura 12 – Il fabbro colorato prima di incollare insieme i pezzi

Dopo la pittura ho incollato i due pezzi sulla basetta, prima attaccando il fabbro e poi l’incudine, ricongiungendo le parti tagliate.
La miniatura stampata ha mantenuto tutti i dettagli del modello 3D, a parte le mani che non si notano.

La pittura

Per pitturare la miniatura ho usato i seguenti colori:

  • Ceramite white
  • Runefang steel
  • Cadian Fleshtone
  • Evil sunz scarlet
  • Abaddon black
  • Leadbelcher

E

  • Grigio
  • Marrone

E una miscela

  • Marrone e Abaddon Black 1:1

I primi della Citadel e i secondi della Tamiya.
Durante la pittura non ho aggiunto dettagli particolari a parte le tasche del grembiule. I pantaloni li ho fatti di un marrone più scuro solo per avere un po’ di “varietà di colori”.
Per l’attrezzatura ho provato a dare un effetto di incandescenza al blocco di metallo, colorando di rosso la barra e di bianco la punta.
Il risultato finale

Figura 13 – Il fabbro pitturato

Figura 14

Bloopers

Non so perché, forse la sua espressione o la posa, ma durante i lavori il fabbro è stato rinominato con amore “Dio mentre forgia l’uomo”.

Note finali

Durante le mie ricerche per questa miniatura sono incappato ovviamente anche nell’officina del fabbro o e mi son detto “perché non provare a farla?”. Quindi mi sono messo dietro a fare il resto dell’attrezzatura: la fornace, la mola e il banco da lavoro. Nel momento in cui scrivo sono ancora tutti lavori in corso, ma avranno il loro articolo personale prossimamente.

Fede

Fondatore del sito e appassionato di stampa 3D. Mi piace creare principalmente miniature e ambientazioni per giochi gdr, oltre che piccoli gadget. Dal 2015 possessore di una prusa ephestus, tra un problema e l'altro stampo tutti i miei lavori.

Lascia un commento

Close Menu
shares