Great Mazinger

Questo è un periodo così così, in cui sto seguendo più progetti differenti e pian piano li sto anche finendo, ma sto andando a rilento e sono sempre indeciso cosa pubblicare prima.
A breve inoltre dovrebbe diminuirmi il tempo a disposizione, anche se spero che questo non mi causi problemi.
Finite con le premesse, passiamo all’articolo vero e proprio.

Introduzione

Quello che mostro oggi è la seconda stampa che ho fatto per un collega di mio padre, appassionato di robottoni giapponesi degli anni 70-80. Il protagonista di oggi è Mazinga, in particolare una versione con due spade che ho trovato su Thingiverse.

Il link a cui potete trovare il modellino è https://www.thingiverse.com/thing:2007309. Tutti i meriti per la creazione vanno a giammariomarini, il creatore appunto.

Il modello 3D

Non posso dire molto, se non che anche questo mi è parso un modello molto curato nonostante sia formato da forme molto semplici, ma usate saggiamente per ricreare le forme volute.
I modelli scaricabili sono due, uno senza supporti e uno con, fatti dall’autore.

La stampa 3D

Per la stampa ho utilizzato la versione senza supporti aggiunti, in quanto con le impostazioni di Cura entrambi risultavano quasi completamente ricoperti dal materiale di supporto. I layer li ho impostati a 0.2mm, raddoppiando le dimensioni da circa 7.5cm a 15.
Generalmente non vado mai oltre i 10cm di altezza e questo trovo sia abbastanza impressionante.

La stampa è uscita bene, senza difetti a parte qualche leggera sbavatura che è stata rimossa. L’unico problema sono le antenne, che nonostante le dimensioni del modello, queste erano molto sottili e hanno risentito troppo del calore dell’estrusore.

Il materiale di supporto comunque non ha creato problemi, anzi sono riuscito a rimuoverlo in tempi molto rapidi nonostante la sua larga presenza.

La stampa ha richiesto circa 11 ore.

La pittura

Per colorarlo ho usato:
Citadel

  • Abaddon black
  • Runefang steel
  • Ironbreaker
  • Evil sunz scarlet

Tamiya

  • Oro >/li>
  • Blu

Il modello è poi stato incollato su una basetta da 70mm. Questa anche se piccola secondo me, va bene per la persona interessate e questo è più che sufficiente per farla di quella dimensione. Dimensioni maggiori inoltre credo che sarebbero state problematiche, considerando che le punte delle spade sono distanti tra loro poco meno di 20cm, il limite di stampa.

Conclusioni

Anche in questo caso non posso che fare i complimenti al creatore di questo modellino, che mi ha fatto riflettere su cosa significa creare dettagli: non è necessario usare forme ultra complesse o milioni di vertici per ottenere un risultato molto bello, ma è sufficiente usarne quanti ne bastano.

Detto questo, settimana prossima spero di portare un articolo inerente una nuova categoria che verrà inaugurata. Ne parlerò prossimamente e posso solo anticipare che riguarda alcuni progetti di stampata futuri molto importanti.

Buona stampa a tutti e al prossimo articolo!

Federico

Fondatore del sito e appassionato di stampa 3D. Mi piace creare principalmente miniature e ambientazioni per giochi gdr, oltre che piccoli gadget. Dal 2015 possessore di una prusa ephestus, tra un problema e l'altro stampo tutti i miei lavori.

Lascia un commento

Chiudi il menu